sabato 3 gennaio 2015

Scoop: Xiaomi è un po' più open

Posted By: Giangiotto Malatesta - 04:23

Share

& Comment













Stando a quanto riferito qui e qui finalmente anche il famoso costruttore cinese (pare che sia il terzo al mondo dopo Samsung e Apple).
Una notiziona perché il sottoscritto è da sempre un fan della Miui (la componente software dei device del gigante cinese). Da sempre è stato possibile installare la Miui anche su telefoni della concorrenza con le doti di cui gode la miui: ottime performance, personalizzazione spinta ai massimi livelli, innovazione,..
La Miui  ha avuto così successo che quasi tutti i concorrenti cinesi la copiano. Non per niente sono da anni un gran fan della nota rom cinese e non perdo occasione per pubblicizzarla.
Tre però sono le critiche che spesso mi vengono mosse quando parlo della Miui:

1) è troppo simile a ios,

2) non è trasparente e non è opensource.

Sulla prima possiamo sempre spezzare una lancia tirando in ballo l'estrema personalizzazione e i widget ma sulla seconda...
Pare che alla Xiaomi non rilasciassero i sorgenti e quindi, in soldoni, non rispettassero neanche le licenze del software GPL (grossomodo tutti hanno accesso al codice e possono modificarlo ma poi devono rilasciare una versione del proprio lavoro che sia anch'essa accessibile e liberamente modificabile). Questa mancanza ha dato anche adito a sospetti..
In realtà c'erano delle rom ricavate dalla Miui ma era un prodotto a metà.
Beh, da oggi la situazione è nettamente migliorata e chi usa la Miui ha la coscienza un po' più pulita.


About Giangiotto Malatesta

Techism is an online Publication that complies Bizarre, Odd, Strange, Out of box facts about the stuff going around in the world which you may find hard to believe and understand. The Main Purpose of this site is to bring reality with a taste of entertainment

0 commenti:

Copyright © 2013 Pariflessioni™ is a registered trademark.

Designed by Templateism. Hosted on Blogger Platform.