PR

PR
Le mie passioni e le mie riflessioni. Powered by Blogger.

giovedì 26 novembre 2015

L'ultima del Ministro del Lavoro..

Posted By: Giangiotto Malatesta - 14:49

Ma questo su quale pianeta vive?

Vorrei proprio saperlo!

Fino all'ultimo ho sperato che volesse dire meglio 97 a 21 anni che 100 a 28. Inve ce no: dice proprio che è meglio 97 a 21 che 110 a 28.
Ministro caro del Lavoro, ma ha idea di cosa voglia dire fare un concorso? Ha idea di cosa voglia dire prendere 20 punti di bonus per il voto (110 e lode) contro 5-7 punti?
Ovviamente il Ministro non lo saprà perché non avrà mai fatto un concorso! Allora lo dico io: partire da 20 vuol dire assunzione assicurata. Partire da 5 - 7 punti vuol dire fare un ottimo test e incrociare le dita...
Senza considerare che chi si è laureato con 110 probabilmente ne saprà di più di uno laureato con 97 e quindi anche il test di chi ha 110 sarà probabilmente già migliore di uno che si è lureato con 97.
Insomma, un'Istruzione migliore dà più speranze di accedere al mondo del lavoro (e questo dovrebbe saperlo dato il lavoro che fa).
C'è anche un'altra faccia della medaglia:

studiare serve anche per capire le cose.

 Diciamo che probabilmente il Ministro si sarà espresso male! A conti fatti non ci si può laureare a 21 anni perché ci si diploma a 19[si inizia a 6; 5 elementari + 3 medie + 5 superiori = 19 ndr] e, con i 3 anni di università (laurea breve), si finirebbe a 22. Insomma, vai a vedere che il discorso di fondo è sempre lo stesso; diplomarsi a 18 (e togliere 1 anno delle superiori), laurearsi a 21 (e togliere 2 anni di università). Lo Stato paga almeno 3 anni in meno di Istruzione e così il risparmio è garantito.
(Ci sono arrivato grazie a dei corsi post laurea per comunicare con persone in difficoltà)
A voler essere polemici è stato dimostrato che la laurea breve (o di primo livello) offre meno opportunità di lavoro rispetto alla laurea quinquennale ma il discorso non è questo. Potre anche capire che si pensa a un'Istruzione più corta e di qualità migliore come nel resto d'Europa.. 
Però Ministro Poletti,  gliela dico io come bisogna fare da subito per migliorare le cose: 

Politici laureati per Legge (e con non meno di 90/110) così probabilmente riescono almeno a farsi capire.


martedì 17 novembre 2015

Stragi di Parigi, istruzioni per l’uso per genitori e prof

Posted By: Giangiotto Malatesta - 12:49




Interessante articolo del Corriere della Sera in cui il professore Raffaele Mantegazza, docente di Pedagogia generale all’università Bicocca di Milano dà appunto le istruzioni per spiegare i tristi fatti parigini ai ragazzi.  Il ragionamento del prof fila ed è condivisibile fino a quando il prof non tira fuori la probabilità di essere un terrorista islamico. Qui il matematico che è in me ha alzato subito il sopracciglio. Facendo un rapido calcolo: i terroristi che hanno colpito in Europa sono quasi tutti nati e cresciuti qui. Nel nostro continente ci sono 1,5 milioni di musulmani in Italia, quasi 5 milioni della Francia, 4 milioni della Germania e i 3 milioni del Regno Unito. Facciamo una stima per eccesso; 20 milioni di musulmani in Europa. Ebbene, stando a questo articolo sempre del Corriere della Sera, si sa che i terroristi partiti dall'Europa per la Siria sono migliaia. Pertanto sarebbe più corretto dire uno su centomila dato che i  terroristi sono molti (1200 i terroristi partiti solo dalla Francia).                   

La probabilità già inizia a essere meno buona. 

Uno su centomila non è molto buona come probabilità. Inoltre ho la paura che anche dopo aver sconfitto al qaeda e l'isis non saremo tranquilli perché dopo un po' ne spunterà un'altra testa dell'islamismo radicale. Parliamoci chiaro: l'Islam dovrebbe rinnegare con forza questa visione radicale e letterale della religione ma purtroppo finora non ci riesce. Parlo agli amici islamici, bisognerebbe condannare con più forza gli episodi di terrorismo e volere un po' più di bene al Paese in cui vivete.
Parlo ora ai nostri politici: vogliamo istituire un percorso teologico unitario per tutti gli uomini di relione che predicano nel nostro Paese?

venerdì 13 novembre 2015

A fuoco la moto di Lorenzo durante la festa

Posted By: Giangiotto Malatesta - 09:51

Proprio così: durante la festa per il titolo mondiale, va a fuoco la Yamaha di Jorge Lorenzo. Anzi prende fuoco anche lui xD
Insomma, un finale di mondiale molto chiacchierato. Magari tra una parola e l'altra, sarà scappata qualche accidenti e poi.. festa rovinata.
Peccato perché al posto di tutto il trambusto avremmo preferito un ultimo duello per il mondiale. Un duello stile chi vince questa, le vince tutte!
Sarà per la prossima volta

martedì 3 novembre 2015

Toh, l'Alienware Alpha è uscito anche da noi

Posted By: Giangiotto Malatesta - 09:39

In realtà i prezzi italiani sono questi anche se alla fine ci sono poche differenze con i prezzi americani che sono sempre prezzi esentasse (ogni stato americano decide autonomamente la tassazione e quindi il prezzo varia da stato a stato). 


Qui avevo già scritto cosa ne pensavo e, a conti fatti, resta ancora tutto valido. Insomma alla fin fine è un buon prodotto e lo consiglierei a chi è interessato al design e a mettere il pc in salotto. Ovviamente è un prodotto consigliato anche a chi cerca un pc preassemblato [NB: un assemblato per avere prestazioni migliori dovrebbe costare comunque di più]. L'unica cosa migliorabile è il prezzo perché l'Alienware aveva un obiettivo molto ambizioso: il pc, nella console da gioco. A qualche centinaio di euro in meno ci sarebbe riuscita e avrebbe fatto il botto. Purtroppo si sa che il prezzo di partenza è uno dei punti forti delle console da gioco mentre poi non lo è il prezzo dei singoli giochi. 

Copyright © 2013 Pariflessioni™ is a registered trademark.

Designed by Templateism. Hosted on Blogger Platform.